APRILE
05
2020
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Mettere Titolo Monet Claude  Chiusa a Trouville Marinoni Antonio vista del castello di Bahia Magni Giuseppe Corteggiamento Teodoro Mattein iRitratto della duchessa Barbara Barbiano di Belgiojoso Litta Visconti Manetti Rutilio Decapitazone di San Paolo Tiziano Giulio Romano Boldini Giovanni In giardino Barbieri Lorenzo - Lago del Bilancino ( Mugello ) Gris Juan gris la montagna le canigou.
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Rysselberghe Van theo
MONOGRAFIE » Artisti dalla M alla R

 
   
FOTO PRESENTI 14
 
Rysselberghe Théo van  laregata
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THéO VAN LAREGATA
La Régate (The Regatta), 1892 Belguim, 1862-1926 seguendo la tecnica divisionista otteneva effetti luminosi con piccole quantità di pigmenti puri. fu uno dei fondatori del gruppo Les XX
Rysselberghe Theo van   Femme en bleu vue de dos (
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN FEMME EN BLEU VUE DE DOS (
ca 1890) Pastel 48 x 27,8 cm Collection privée
Rysselberghe Theo Van Madame Van de Velde and his daughters
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN MADAME VAN DE VELDE AND HIS DAUGHTERS
Rysselberghe Theo  van Il thè in giardino
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN IL THè IN GIARDINO
Le thé au jardin (ca 1904) Huile sur toile 98 x 130 cm Musée Communal, Ixelles
Rysselberghe Theo van  costa in Bretagna
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN COSTA IN BRETAGNA
Côtes en Bretagne (ca 1892) Huile sur toile 51 x 61 cm National Gallery, Londres
Rysselberghe Théo Van  Le cap Gris-Nez,
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THéO VAN LE CAP GRIS-NEZ,
1900 Huile sur toile
Rysselberghe Theo Baigneuses sous les pins,
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO BAIGNEUSES SOUS LES PINS,
1926 Huile sur toile 116 x 89,5 cm Collection privée
Rysselberghe Theo van  Ritratto di Ottavio Maus
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN RITRATTO DI OTTAVIO MAUS
Portrait d'Octave Maus, 1885 Huile sur toile 90 x 75,5 cm Collection privée
Rysselberghe theo van  Denis
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN DENIS
Rysselberghe Theo van  La lettura
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN LA LETTURA
1903. olio su tavola. Museo de Bellas Artes. Ghent. Belgica.
Rysselberghe Theo van The Burnished Hour
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN THE BURNISHED HOUR
1897. 228 x 329 cm. Kunstsammlungen zu Weimar.
Rysselberghe Theo van Femme au Peignoir rose
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN FEMME AU PEIGNOIR ROSE
1910. 65 x 31 cm. Museo de Bellas Artes de Grenoble. Grenoble. Francia.
Rysselberghe Theo van   Uomo al timone
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN UOMO AL TIMONE
1892. 60,2 x 80,3 cm. Museo de Orsay. París. Francia.
Rysselberghe Theo van  barche a vela ed estuario
Rysselberghe Van theo
RYSSELBERGHE THEO VAN BARCHE A VELA ED ESTUARIO
1892-1893. 50 x 61 cm. Museo de Orsay. París. Francia.
   
Già i suoi primi lavori rivelano un forte interesse per il ritratto, cosa che lo indusse a orientare coerentemente le sue tendenze impressioniste alle opere di Manet, di Degas e di Whistler. Lo influenzarono inoltre la pittura spagnola e Hals. Questa fascinazione si riflette in una pennellata libera e robusta e in effetti di luce forti e ricchi di contrasti. Da quando, nel 1886, Rysselberghe era entrato in contatto con Seurat e con Signac, che avrebbe fatto conoscere in Belgio, il suo stile si era orientato alla pittura neoimpressionista alle cui mostre da allora in poi partecipò regolarmente. Insieme a Van de Velde, Rysselberghe si cimentò anche nell'artigianato d'arte, che conobbe attorno alla svolta del secolo un'epoca di fioritura internazionale. Dal movimento inglese Arts and Crafts erano partiti impulsi importanti. Esso rifiutava la moderna produzione di serie e auspicava un ritorno alle origini, all'artigianato.

La conseguente inclusione del pensiero estetico in tutti i campi della vita, sottolineato nell'idea allora corrente  d'arte globale, era una premessa essenziale per un cambiamento dei rapporti sociali. Questo concetto conquistò ben presto gli artisti belgi del gruppo dei «Venti». Rysselberghe illustrò anche opere letterarie, soprattutto quelle del Simbolismo belga, realizzò manifesti e cataloghi ed eseguì progetti di mobili. Ma le sue migliori capacità si svilupparono nel settore della pittura, in cui egli, a partire dal 1898, condizionato da un soggiorno a Parigi, cominciò a dare prova di un cambiamento stilistico, che si esprimeva ora prevalentemente con nudi e scene all'aperto, eseguiti con una pennellata libera, impressionista. Attorno al 1908, abbandonò definitivamente la maniera neoimpressionista.



   
Rysselberghe, Théo van
(Gand 1862 – Saint-Clair 1926). Dopo gli studi presso le
Accademie di Gand e Bruxelles, esegue la sua prima opera
significativa durante un viaggio in Marocco nel 1883-
84 (Fantasia: Bruxelles, mrba). È tra i fondatori del gruppo
Les Vingt (XX) nel 1884 e della Libre Esthétique dieci
anni dopo: insieme ad Octave Maus costituisce un fondamentale
collegamento tra l’ambiente artistico parigino
e quello belga delle gallerie e delle esposizioni. Dal 1888
dipinge secondo i modi del neoimpressionismo, soprattutto
ritratti e paesaggi (Madame Maus, 1890: Bruxelles, mrba;
Punta Per-Kiridec, 1889: Otterlo, Kröller-Müller);
mantiene però una profonda vocazione realista che si risolve
in esiti di singolare contrasto tra tecnica e contenuti,
specie nelle opere dei primi anni del Novecento
(Lettura, 1903: Gand, Museo, in cui è raffigurato l’ambiente
letterario belga e quello della Libre Esthétique).
Nel decennio 1890, anche in collaborazione con Henri
van de Velde, esegue disegni per mobili e altre ap-plicazioni industriali. Importante anche la sua opera grafica,
composta di disegni e acqueforti di grande talento
(Porto di Trieste, 1896); disegna anche illustrazioni per
pubblicazioni legate a gruppi anarchici, ai quali è politicamente
vicino. A Parigi dal 1898, si trasferisce poi nel
1910 a Saint-Clair; è in questi anni che si distacca definitivamente
dal neoimpressionismo (Pini della Fossette,
1919: Flémalle-Haute, coll. priv.).





 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online