DICEMBRE
14
2018
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Abbati  Giuseppe   Interno della chiesa di San Miniato Anonimo Costa maremmana a castiglione della pescaia morbellia angelo quando ero giovane Jean-Baptiste Corneille La mort de Caton d’Utique Guttuso Renato Sfascio di automobili, Milesi Alessandro La modella Plinio Nomellini - Danza fra i fiori Filadelfo Simi - Paesaggio umbro presso Terni Magritte Renè Il figlio dell'uomo
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
La Scuola di Vienna
PITTURA » Periodi

 
   
FOTO PRESENTI 2
 
Klimt Joseph Idillio
La Scuola di Vienna
KLIMT JOSEPH IDILLIO
1884. . Kunsthistorisches Museum. Viena. Austria.
Klimt Joseph Il teatro di Taormina
La Scuola di Vienna
KLIMT JOSEPH IL TEATRO DI TAORMINA
1886-1888. Oil on stucco (ceiling painting). Burgtheater. Viena. Austria.
   
Nel corso degli anni '90 si prepara il terreno per una svolta decisiva che inaugura una nuova stagione per l'arte austriaca. Nell'ambito della Künstlerhaus, il solido attaccamento alla tradizione accademica inizia a suscitare l'insoddisfazione degli artisti più giovani, che nell'atteggiamento dei membri più anziani scorgono una chiusura ai fermenti innovatori che sono in atto in tutta Europa. Gustav Klimt, Joseph Engelhart e Carl Moll iniziano a discutere la possibilità di dar vita a un gruppo che, pur rimanendo all'interno dell'associazione, persegua orientamenti modernisti, aprendosi al confronto con il più aggiornato panorama europeo. Intorno all'idea di formare il nuovo nucleo si accende un dibattito che coinvolge anche i circoli culturali della città, poiché la questione del rinnovamento dell'arte austriaca è ormai una necessità avvertita da più parti. La proposta, però, si scontra con il rifiuto dei membri della Künstlerhaus, che non accettano di modificare le tendenze dell'associazione. Così, agli inizi di aprile del 1897, gli artisti più giovani decidono di uscirne per fondare la Secessione viennese. Gustav Klimt è senz'altro la figura di spicco della Secessione viennese. La sua pittura preziosa, caratterizzata da un disegno morbido e sinuoso, da linee armoniche e da un uso del colore estremamente raffinato, diviene presto la sigla dello stile secessionista. Ma le tendenze pittoriche del nuovo gruppo di artisti presentano diversi aspetti. Carl Moll, ad esempio, si avvicina al Postimpressionismo francese per le sue scene di tono intimista, dipinte con piccoli tocchi di pennello e con effetti di grande luminosità. Mentre artisti come Kolo Moser, Friedrich König e Maximilian Lenz si avvicinano alle tendenze del Simbolismo europeo. In breve tempo la Secessione viennese conquista il gusto del pubblico e ottiene l'appoggio delle istituzioni. Le mostre organizzate dall'associazione riscuotono un successo sempre crescente e le commissioni si moltiplicano. Ma nel corso degli anni lo stile secessionista si diffonde a tal punto da perdere parte della sua carica innovatrice. Diviene una sigla, una formula che si ripete svuotandosi delle sue originarie motivazioni. Nel 1905 Gustav Klimt esce dal gruppo e con lui i migliori talenti. Ma la pittura austriaca si prepara a una nuova svolta




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online