DICEMBRE
14
2018
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
scultura f Alexej Jawlensky, Testa Classica, 1918 Benvenuti Benvenuto Autunno 1899. Boldini Giovanni Bruno con baffi Lorenzo Viani - La fiera, tre palle e un soldo Bierstadt Albert A Storm in the Rocky Mountains, Mt. Rosalie, Primaticcio  Mercurio ed una dama Induno Domenico Arrivo delo bollettino di guerra Tito Ettore Giovane donna in rosso sergio Bazzanti Il bacio
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Antonio Ligabue
TUTTE LE MOSTRE » Mostre in Italia 2005

 
   
FOTO PRESENTI 13
 
Ligabue La carrozzella
Antonio Ligabue
LIGABUE LA CARROZZELLA
Ligabue Pascolo
Antonio Ligabue
LIGABUE PASCOLO
Ligabue Autoritratto
Antonio Ligabue
LIGABUE AUTORITRATTO
Ligabue Scoiattolo
Antonio Ligabue
LIGABUE SCOIATTOLO
Ligabue Setter
Antonio Ligabue
LIGABUE SETTER
Ligabue Natura morta
Antonio Ligabue
LIGABUE NATURA MORTA
Ligabue Fondo marino
Antonio Ligabue
LIGABUE FONDO MARINO
ligabue Testa di Tigre
Antonio Ligabue
LIGABUE TESTA DI TIGRE
Ligabue tigre reale
Antonio Ligabue
LIGABUE TIGRE REALE
Ligabue Leone e guerriero
Antonio Ligabue
LIGABUE LEONE E GUERRIERO
Ligabue Traversata della Siberia
Antonio Ligabue
LIGABUE TRAVERSATA DELLA SIBERIA
Ligabue Autoritratto con cane
Antonio Ligabue
LIGABUE AUTORITRATTO CON CANE
Ligabue Rapace
Antonio Ligabue
LIGABUE RAPACE
   
 Si tratta di una grande retrospettiva nel quarantesimo anniversario della morte dell'artista (27 maggio 1965), che punta a ricostruire l’intero percorso creativo dell’artista nato in Svizzera nel 1899, ma che ventenne arrivò a Gualtieri, vivendo il resto dei suoi giorni nella Bassa reggiana. L'obiettivo della valorizzazione di Ligabue, oltre all'alta qualità delle opere selezionate e presentate, si fonderà anche sui testi in catalogo affidati, tra gli altri, a studiosi inglesi, francesi e tedeschi di rilievo, in modo da favorire la conoscenza di Ligabue in ambito internazionale, nonchè alla circuitazione della mostra in spazi pubblici all'estero; a tale scopo, sono in corso rapporti e trattative con alcuni Musei stranieri.
L'esposizione sarà promossa dalla Provincia di Reggio Emilia e dal Comune di Gualtieri; due saranno le sedi espositive coinvolte: Palazzo Magnani a Reggio Emilia e Palazzo Bentivoglio a Gualtieri.
A Palazzo Magnani saranno in esposizione circa cento dipinti, tra cui molti di grandi dimensioni.
A Palazzo Bentivoglio saranno esposti trenta disegni e incisioni originali - nella tiratura firmata dall'artista - e oltre cinquanta terrecotte.   
 




Ligabue ripete il tema del " conbattimento ferino " con insistenza ossessiva (  Animali da cortile o belve).L'elemento auto-psicoanalitico, con il sacrificio della belva , destinata a soccombere nella lotta, bestia in cui l'artista si riconosce.
Fin dalla più tenera età la vita di Antonio Ligabue(1899-1965) è stata costellata da difficoltà e problemi.
Figlio naturale di un’italiana emigrata, ha sempre ignorato l'identità del padre.
Nel 1900 viene affidato ad una coppia di svizzeri tedeschi; non verrà legittimata la sua adozione, ma il bambino si legherà moltissimo alla matrigna, con un insolito rapporto di amore e odio.
Nel 1913, dopo aver superato solo la terza elementare, entra in un collegio per ragazzi handicappati, dove si distingue subito per l’abilità nel disegno e la cattiva condotta.
Nel 1917 è curato per qualche mese in una clinica psichiatrica, qualche anno dopo espulso dalla Svizzera su denuncia della madre adottiva ritorna in Italia dove vive come vagabondo continuando però a disegnare e a creare piccole sculture con l’argilla.
Alla fine degli anni Venti viene finalmente scoperto, compreso ed aiutato da Marino Renato Mazzacurati, pittore e scultore.
Nel 1937 viene internato in un manicomio a causa di una forte depressione, uscirà ben presto grazie all’interessamento dello scultore Mozzali.
Durante la guerra fa da interprete alle truppe tedesche, ma per aver percosso con una bottiglia un soldato tedesco nel '45 viene nuovamente internato.
Nel 48 viene dimesso; i critici e i galleristi cominciano ad occuparsi di lui.
Iniziano anni durante i quali lentamente la fortuna sembra volgere a suo favore. La sua fama si allarga, la sua attività pittorica subisce un netto miglioramento. Vince premi, vende quadri, trova amici che lo ospitano, si girano film e documentari su di lui.
Nel febbraio del 1961 tiene una grande personale a Roma che ne suggella il definitivo successo.
Nel 1962 viene colpito da paresi e dopo vari ricoveri in istituti diversi viene posto al Carri di Gualtieri.
Muore in ospedale il 27 maggio 1965.





 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online