FEBBRAIO
21
2019
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Opera in mostra Boldini Giovanni  Dopo il ballo Accardi Carla Blu concentrico Lega silvestro  ritratto di gGulia Bandini Fontana Lavinia  Ritratto di Antonietta Gonzalvo Raffaello Gambogi - Il vitello Melville Arthur Dancers at the Moulin Rouge, Prato della valle Arnolfo di Cambio Donna alal Fonte Rubens Pietro Paolo Il massacro degli innocenti
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
VEDUTISMO NAPOLETANO en plain air
PITTURA » Tematiche

 
   
FOTO PRESENTI 4
 
de Nittis     Primavera
VEDUTISMO NAPOLETANO en plain air
DE NITTIS PRIMAVERA
La volpe  Veduta
VEDUTISMO NAPOLETANO en plain air
LA VOLPE VEDUTA
Pitloo  Veduta
VEDUTISMO NAPOLETANO en plain air
PITLOO VEDUTA
Palizzi  grano
VEDUTISMO NAPOLETANO en plain air
PALIZZI GRANO
   
Napoli ha conosciuto presto i più moderni paesaggisti europei,in virtù degli scambi artistici e culturali ancora vivaci con i maggiori paesi europei (e, beninteso, col resto d’Italia) dovuti al suo il rango di Capitale di uno Stato detenuto fino al 1861;al suo inserimento come meta obbligata nei circuiti del "grand tour", il classico viaggio d’Istruzione della gioventù aristocratica europea; ed al soggiorno di numerosi artisti stranieri (da Turner, a Corot e, più tardi, a Degas) e di altre regioni italiane (D’Azeglio in particolare) che vi hanno apportato decisivi motivi di ispirazione per la fioritura di originali esperienze di avanguardia. Sulla tradizione locale settecentesca, accademicamente legata ai canoni classici del "paesaggio ideale" di cui in Europa erano Maestri incontrastati Nicolas Poussin e Claude Lorrain),ma anche caratterizzata dalle fiorenti espressioni commerciali del "vedutismo" diretto a soddisfare le richieste dei turisti, vengono ad innestarsi i motivi più tipici e rivoluzionari dell’estetica romantica nell’espressione figurativa: dal "pittoresco" al "sublime"; ma anche orientamenti,progressivamente più netti, verso una pittura "realistica", pur sempre filtrata dal pathos psicologico della sensibilità dell’artista. E parallelamente la pittura "dal vero" ("en plein air") soppianta il paesaggio di immaginazione costruito in studio. Si tratta di una sfida culturale che assume tra le file degli innovatori, in più di un caso, i connotati della contrapposizione consapevolmente polemica agli insegnamenti canonici dell’Accademia (Giacinto Gigante, in particolare). Al tempo stesso, peraltro, essa provoca significativi sforzi di adeguamento dell’insegnamento accademico, perseguiti a piùriprese, con passione degna di miglior successo, da alcune tra le più rilevanti personalità artistiche del periodo approdate in tempi diversi alla guida della "Reale Istituto napoletano di Belle Arti": a partire da Antoon Sminck Van Pitloo, promotore dello studio dal vero, alla cui scuola (accademica e privata) si èformata la maggior parte dei paesaggisti più significativi operanti tra il ‘20 e il ’50 (in particolare gli esponenti della cosiddetta scuola di Posillipo); a Giuseppe Mancinelli, Domenico Morelli e Filippo Palizzi. In ogni caso, in un contesto caratterizzato dal ruolo innovativo trainante della pittura di paesaggio, viene meno definitivamente, anche negliordinamenti accademici, lo stereotipo che la confinavagerarchicamente al rango di "genere minore". La scelta espressiva del "realismo lirico" si nutre, intorno agli anni ’50, di nuove sollecitazioni linguistiche, a seguito dei contatti con la scuola di Barbizon,intrattenuti soprattutto da Giuseppe Palizzi; e lo scrupolo di "verita" si impone, in qualche caso (Filippo Palizzi), con la forza di un irrenunciabile valore etico. In molti altri casi, peraltro, il realismo naturalista scade a forme stereotipe di bozzettismo a sfondo sociale; mentre,parallelamente , si registra l’irreversibile decadenza dell’Accademia napoletana. Gli anni ‘80 coincidono significativamente con la conclusione di una parabola: Napoli ha ormai perduto da vent’anni il proprio rango di capitale, la rotta dei viaggi di istruzione passa ormai altrove, e l’afflusso esterno degli artisti e la circolazione delleidee. Per gli artisti napoletani più vivaci ed intraprendenti (come De Nittis o Mancini), come del resto di altre regioni italiane, le mete di un flusso che ha invertito direzione sono ormai Londra e soprattutto Parigi, dove, più che altrove, si respira l’atmosfera della nuova epoca che nasce, espressa visivamente nei luminosi colori della "rivoluzione impressionista".



     Altri artisti del periodo    Carelli      Gortese     Cartel     Fergola




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online