AGOSTO
18
2019
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Van Gogh Uomo con la pipa Nono Luigi Le sorgenti del Gorgazzo. Picasso Pablo La bottiglia di Bass Théodore Rousseau A Meadow Bordered by Trees, Magritte Renè  Il piacere podestà Massimo - Omaggio a Fontana Plinio Nomellini - Azzurro Magnani Leonardo - Luci nella notte Katsukawa Shunsho, L'attore Ichikawa Danjuro V nell'opera Shibaraka, Cassat Mary Reine Lefebvre Holding a Nude Baby
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Savinio Alberto
MONOGRAFIE » Artisti dalla S alla Z

 
   
FOTO PRESENTI 12
 
Savinio Alberto Il vecchio e il nuovo mondo,
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO IL VECCHIO E IL NUOVO MONDO,
1927 Collezione privata
Savinio Alberto Le Matelot,
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO LE MATELOT,
1927 Olio su tela, 59,5 x 80 cm Collezione privata, Milano
Savinio alberto Il sogno del poeta,
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO IL SOGNO DEL POETA,
1927 Olio su tela, 116 x 89 cm Collezione privata
Savinio Alberto Senza titolo.
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO SENZA TITOLO.
Natura morta à la gazelle, 1927
Savinio Alberto Poema marino,
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO POEMA MARINO,
A. Savinio, 1927 Olio su tela, 50,4 x 60,5 cm Collezione privata
Savinio Alberto
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO
Savinio Alberto Découverte d'un monde noveau,
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO DéCOUVERTE D'UN MONDE NOVEAU,
1929 Olio su tela, 81 x 100 cm Collezione privata
Savinio Alberto Bâtisseurs du Paradis
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO BâTISSEURS DU PARADIS
, 1929 Olio su tela, 73 x 91 cm Collezione privata
Savinio Alberto Le consul-romancier,
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO LE CONSUL-ROMANCIER,
1927 Olio su tela, 55,3 x 46,5 cm Collezione privata, Milano
Savinio Alberto Le Boxeur, 1927
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO LE BOXEUR, 1927
A. Savinio, Olio su tela, 46 x 54,5 cm Collezione privata, Roma
savinio Alberto
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO
Savinio Alberto
Savinio Alberto
SAVINIO ALBERTO
Alberto Savinio, Annunciazione, 1932 Il dipinto, conservato al Cimac di Milano, si presenta originale già per il suo formato: la tela non è rettangolare ma pentagonale per effetto del taglio dell’angolo superiore sinistro. Il campo dell’immagine è dominato dalla finestra da cui compare il faccione enorme dell’arcangelo Gabriele. La Madonna è seduta, in basso a sinistra, ed ha la caratteristica metamorfosi da donna a pellicano che Savinio aveva già utilizzato per il ritratto della propria madre. La finestra ha una deformazione tipica da espressionismo tedesco. È aperta su un cielo scuro e cupo. Da essa appare il volto dell’angelo, gigantesco nelle sue proporzioni, come il mistero di cui è simbolo. La Madonna ha la testa di pellicano, dato che esso è, già dal Medioevo, simbolo della bontà e dell’amore materno, perché si riteneva che il pellicano, in caso di necessità, fosse capace di svenarsi col becco e di nutrire la prole con il proprio sangue. L’Annunciazione è uno dei soggetti più rappresentati in assoluto nella storia dell’arte occidentale. L’immagine ha una iconografia e un suo significato religioso ben preciso, a cui si sono sempre attenuti tutti gli innumerevoli pittori che lo hanno rappresentato. Per la religione cattolica l’Annunciazione sta ad indicare che la nascita di Gesù non deriva da un normale concepimento, e in ciò già si manifesta la sua vera natura divina. Come tema pittorico l’Annunciazione scompare dalla scena artistica a partire dal XVIII secolo, quando gli artisti maggiori cominciano ad operare in una società più laica e con minore dipendenza dalla committenza ecclesiastica. Il tema dell’Annunciazione viene, in qualche caso, utilizzato più per il suo significato allegorico che non per il suo significato religioso. È il caso, ad esempio, di Dante Gabriele Rossetti che, con il suo «Ecce ancilla domini» (vedi pag. 29), indaga sul significato universale del divenire madre a partire dal mutamento di coscienza che, nella donna, comporta la notizia di una maternità. In Savinio l’Annunciazione diviene un soggetto per rappresentare il rapporto tra l’uomo e la divinità. Ossia, il rapporto tra l’uomo e il sacro, che si presenta alla finestra dei nostri piccoli spazi come qualcosa di gigantesco. Enorme, come il mistero della nascita e della sua sacralità, che travalica il semplice significato dell’apparire di una nuova vita.
   
Paragonato dal poeta Apollinaire a un genio multiforme del rinascimento toscano,Alberto Savinio è musicista, scrittore, pittore, autore di illuminanti saggi artistici,scenografo e costumista teatrale. L'atto creativo è per lui un'operazione conoscitiva dato che l'artista ha il compito di penetrare il reale e svelarne il mistero rintracciabile oltre le apparenze fenomeniche. Ciò rivela la vicinanza intellettuale con il fratello maggiore Giorgio de Chirico, la cui concezione metafisica il più giovane Alberto ha sicuramente contribuito a plasmare. La nascita in Grecia, ad Atene, nel 1891, da una famiglia nobile di origini italiane, è per il piccolo Andrea de Chirico, che solo più tardi si farà chiamare Alberto Savinio, fondamentale per la strutturazione della sua poetica. La Grecia è infatti vista come culla della civiltà occidentale, scenario dell'infanzia collettiva che viene posta in rapporto con l'infanzia individuale. Questomomento germinale dell'esistenza è riportato alla luce attraverso la memoria che Savinio vede come la massima fonte di ispirazione artistica. Non la Grecia classica,apollinea e razionale, ma l'orizzonte passionale dei personaggi mitologici e la filosofia presocratica, soprattutto quella di Eraclito, saranno i punti di riferimento dell'artista italiano.Come per l'antico filosofo, infatti, la realtà è vista da Savinio come luogo del divenirein cui non esiste una sola verità o coppie di opposizioni fisse e inconciliabili ma in cui tutto è in rapporto dialettico. L'universo di Savinio non è chiuso, tolemaico,antropocentrico ma è cartesiano, multiforme, predisposto a conciliare l'apparentemente inconciliabile, aperto alla metamorfosi e alla meraviglia.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online