AGOSTO
06
2020
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Kooning de  Willem  L'onda - Plinio Nomellini - Sul Campidolio Vallotton Felix   The Church of Souain Minardi Tommaso  La missione degli Apostoli Frederic Bazille  The Artist's Studio de la Condamine Della Robbia Andrea Incontro tra San Francesco e San Damiano Camoin Charles Fiori e pipa Angiolo Tommasi  Il rezzaglio Bacco  Sala degli imperatori Gauguin Paul   Due donne tahitiane sulla spiaggia
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Pincherle Adriana
MONOGRAFIE » Artisti dalla M alla R

 
   
FOTO PRESENTI 16
 
Pincherle Adriana autoritratto in piedi
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA AUTORITRATTO IN PIEDI
olio su tela 165x69 Firenze Galleria degli Uffizi
Pincherle Adriana interno di notte
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA INTERNO DI NOTTE
Pincherle Adriana caffettiera bianco e bleu
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA CAFFETTIERA BIANCO E BLEU
Pincherle Adriana La candela rossa
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA LA CANDELA ROSSA
Pincherle Adriana Nudino seduto
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA NUDINO SEDUTO
olio su tela 65x60 bari, coll. martinelli Esposito IL FAMOSO NUDINO DALLE SCAPOLE VERDI DI CUI PARLA lONGHI APPARE COME UNA DELLE OPERE PIù ORIGINALIdell'artista
Pincherle Adriana Calle e lilla bianche
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA CALLE E LILLA BIANCHE
Pincherle Adriana Nudo con conchiglie
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA NUDO CON CONCHIGLIE
Pincherle Adriana ritratto di Montale
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA RITRATTO DI MONTALE
Pincherle Adriana Nudo con scialle
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA NUDO CON SCIALLE
Pincherle Adriana La tenda rossa
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA LA TENDA ROSSA
Pincherle Adriana Autoritratto in viola
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA AUTORITRATTO IN VIOLA
Pincherle Adriana ritratto di Paola Olivetti
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA RITRATTO DI PAOLA OLIVETTI
pincherle Adriana la terrazza
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA LA TERRAZZA
Pincherle Adriana  l'ombrellino rosa
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA L'OMBRELLINO ROSA
Pincherle adriana Macinino
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA MACININO
Pincherle adriana
Pincherle Adriana
PINCHERLE ADRIANA
   
  Il "Fauvisme" italiano di Adriana Pincherle Il termine coniato dal critico francese L.Vauxcelles, all’inizio del secolo, per definire la "selvaggia" violenza espressiva del colore in Matisse, Vlaminck, Derain, Marquet, Braque ed altri, le cui opere avevano scandalizzato la critica parigina al Salon d’Automne del 1905, ben si attaglia anche alla ricerca di Adriana Pincherle che, dagli anni dell’immediato dopoguerra, accoglie con entusiastica adesione le suggestioni fauve. Opere come Fiori di pesco con gatto, del 1948, si sviluppano con accenti decisamente matissiani e, anche se negli anni successivi, l’artista si spingerà fino alle soglie del simbolismo, oppure si abbandonerà al piacere di pennellate impressioniste, la sostanza della sua pittura rimarrà sempre l’accesa tavolozza fauve, talora spinta fino ad estremi espressionistici, come nel caso del ritratto di Jorge Guillén (1967), dal livido incarnato verde, vero e proprio contrappunto ad un altro e del tutto diverso ritratto, quello di suo marito Onofrio Martinelli (1968) - anch’egli pittore e fondatore del gruppo toscano Nuovo Umanesimo (1947) - descritto dal pennello della moglie con un’ottica certamente più naturalistica di quanto la pittrice non fosse usa fare. A differenza del marito, che attraverso il colore cercava di riprodurre l’oggettività della forma, infatti, la Pincherle utilizza la forma per restituire la sostanza del colore e far si che, così, esso raggiungesse la sua massima manifestazione, anche in dipinti dalla tendenza maggiormente naturalistica o che miravano a rendere con maggior intensità situazioni atmosferiche. E’ proprio in virtù di questa sua passione cromatica che, nel 1972, Mario Luzi scriveva di lei "Per Adriana Pincherle il colore è un’elargizione forte e benefica della natura: grazia è trovarsi nello stato di percepirlo e di accoglierlo nella sua pienezza". Anche nei decenni seguenti questa vigorosa componente coloristica costituì la caratteristica fondamentale della pittura della Pincherle che, agli assolo del rosa con accompagnamento del verde di Campagna alle Corti (1978), farà seguire il verde di Mare d’erba (1980) ed altri dipinti in cui il grande protagonista è solo e sempre il colore nelle sue variazioni.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online