DICEMBRE
12
2017
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
La lettrice (Interno del Bergello) Munch Edward  Tra il letto e l' 0rologio ,1940 Marc Franz Il sogno Georges de La Tour  Les mangeurs de pois Favretto Giacomo Musica in famiglia Puy jean  Ritratto della moglie Civitali Matteo   La Fede Savinio Alberto Senza titolo. Renoir Pierre Auguste  Al giardino del Louxembourg Gugliemo Janni Commedia dell’arte
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Picasso L'Arlecchino dell'Arte
NEWS » Primo piano

 
   
FOTO PRESENTI 2
 
Picasso Pablo
Picasso L'Arlecchino dell'Arte
PICASSO PABLO
Picasso Pablo
Picasso L'Arlecchino dell'Arte
PICASSO PABLO
   
L'Arlecchino dell'arte 1917-1937 10 ottobre - 8 febbraio. Complesso del Vittoriano. Roma La mostra, che nasce sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con la collaborazione del Comune di Roma - Assessorato alla Cultura e alla Comunicazione, Assessorato alle Politiche Educative, Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù - della Provincia di Roma - Presidenza e Assessorato alle Politiche culturali - della Regione Lazio - Presidenza e Assessorato alla Cultura, allo Spettacolo e allo Sport -, con il patrocinio del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, del Ministero Affari Esteri, dell'Ambasciata di Francia in Italia e dell'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano.
tra simboli e capolavori
di Francesca Giuliani
 Funambolico, e già unico. In equilibrio fra gli spigoli di una ricerca astratta e ancora tentato dalla morbidezza figurativa. Dentro un milieu europeo leggendario, capace di accogliere suggestioni ottocentesche e slanci creativi del Novecento più pieno, in cui si muovevano insieme Satie e Diagilev, Picabia e Cocteau. È Picasso, protagonista della mostra in arrivo al Complesso del Vittoriano con una messe di opere prestate da musei come il Centre Pompidou di Parigi e il Museu Picasso di Barcelona, che comprendono olii, lavori su carta oltre a una copiosa serie di incisioni, la Suite Vollard in arrivo dal Canada. Si tratta, a volerle contare, di 180 opere realizzate lungo due decenni e comprese in una coppia di date fatidiche: 1917-1937, essendo il primo l´anno del suo ritorno al classicismo dopo le tentazioni cubiste e l´ultimo quello della pienezza di Guernica. Dentro questi termini temporali è contenuto il lavoro dell´ "Arlecchino dell´Arte", come il sottotitolo della mostra lo chiama, con un suggerimento iconografico tra i più popolari e riconoscibili dell´artista. Ma, chiarisce Yve-Alain Bois, curatore americano della mostra, non c´è da aspettarsi una (pure senz´altro splendida, ma forse impensabile da realizzare) galleria di arlecchini, da quelli tristi del periodo rosa a quelli scomposti nei colori cubisti. Con i colori di Arlecchino, e il valore simbolico che esprime, è l´idea stessa della pittura, per come l´ha sviluppata nella sua ricerca il più grande artista del Novecento, a far da filo conduttore a questa esposizione. Il senso proposto dai curatori è di «analizzare la natura della formidabile multiformità di Picasso, la sua capacità, mai raggiunta da nessun altro artista - di sentirsi libero di dipingere o disegnare lo stesso motivo in maniere radicalmente diverse e talvolta opposte», scrive Bois. L´immagine di Arlecchino è al centro di quella che criticamente è definita la "svolta anticubista" di Picasso, il rigetto per l´automazione dell´arte che rischia di vedere il "ready made" diventare un tic svuotato di senso. È peraltro di quella stagione un aneddoto secondo il quale Cocteau si presentò a Picasso indossando una veste arlecchinesca per farsi ritrarre da lui proprio nei giorni in cui lavorava ai costumi per "Parade", opera con le coreografie di Sergei Diagilev e le musiche di Erik Satie. Non incidentalmente si trova in mostra anche un´occasione romana: il dipinto "Ragazza italiana", datato 1917 e legato al soggiorno capitolino dell´artista. È un´opera che rappresenta il momento in cui, dopo «la crisi del cubismo, l´artista sceglie di recuperare la tradizione classica - spiega ancora Bois - decidendo che nulla va scartato e tutto può entrare a far parte del proprio arsenale artistico». Forme e possibilità infinite come nel costume di Arlecchino, caleidoscopico nei suoi simboli e nei rimandi che fanno di Picasso un impareggiabile trickster, un funambolo dell´arte. Picasso 1917-1937. Complesso del Vittoriano 11 ottobre 2008-8 febbraio 2009. Visite guidate 06.6780664. A cura di Comunicare Organizzando.
(23 settembre 2008)




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online