AGOSTO
21
2017
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Cannicci Niccolò Triste inverno Barbieri Lorenzo - Studio Bierstadt Sunset Ernst Max alla prima chiara parola Degas Edgar    - Manet con la moglie P. Marussig, Ragazza con cembalo, 1924 Magritte Renè La Lectrice soumise. Caillebotte Gustave Ritratto dell'artista Marquet Albert La Rochelle Previati Gaetano La danza delle ore
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Bios Vincent - Il muro ha un suono
NEWS » Eventi

 
L'arte contemporanea mette la vita al muro.
La stagione espositiva del 2012 a Palazzo dei Normanni si è aperta il 13 gennaio con una novità assoluta: la prima personale a Palermo di un giovane artista trapanese, Vincenzo Lipari, in arte BIOS Vincent. BIOS ha avuto l’onore e l’onere di esporre nella prestigiosa Sala Duca di Montalto dopo la grande retrospettiva dedicata a Christo e Jeanne Claude, in un momento in cui a Palermo l’arte contemporanea sembra far fatica a restare visibilie, come dimostra l’affaire del Museo Riso.
Il muro ha un suono, questo il titolo della mostra a cura di Martina Cavallarin con l’allestimento di Michele Premoli Silva, presenta oltre 40 grandi opere realizzate su pannelli di polistirene estruso con tutti i mezzi che l’artista conosce – spatole, pennelli, reti, plastiche, tessuti, cemento, grovigli di materie – e perforati dall’uso di proiettili di vario calibro – Magnum, piombini, Lupara. Di grande impatto emotivo i due video, Il muro ha un suono e Countdown, che permettono al visitatore di immergersi nel processo creativo dell’artista.
La sua straordinaria e inusuale pratica artistica è sempre in bilico tra generi – pittura e installazione – e strumenti. Pittore bulimico ed energetico, artista performativo sia nei gesti con i quali riempie e scarnifica le sue opere sia nelle mise en scene che sono parte integrante e vitale del suo lavoro, BIOS ha una ricerca personale che indaga nella dimensione del sociale concentrandosi su temi spigolosi come l’aborto, l’ecologia, le sopraffazioni, la violenza, le barriere fisiche e mentali.
I lavori esposti a Palazzo dei Normanni parlano attraverso dei codici precisi indagando l’inconscio privato e collettivo con un’arte che si avvale sempre di un’azione performativa, sia quando struttura delle scene in cui cacciatori sparano virtualmente sulla preda, sia quando l’artista impersona i “pinocchio” o simula crocefissioni.
Anche le installazioni a parete, con il loro alfabeto fatto di numeri che sono segni, logo precisi – come il numero 194, cifra che contraddistingue la legge sull’aborto – o di parole, lettere, scritte, nella fase finale di realizzazione vengono violentati da un atto performativo, l’uso determinato e mirato di armi da fuoco.
Una condanna alle violenze fatte dall’umanità sull’umanità, un inno alla vita e soprattutto una ricerca ossessiva, quella sul rapporto tra l’uomo e l’arte, l’uomo e l’ambiente, l’uomo e gli altri uomini, nel senso più profondo dei rapporti interpersonali d’odio e amore, questa l’anima dei muri di BIOS.
La mostra, patrocinata dalla Regione Sicilia, dall’Assemblea della Regione Siciliana e dalla Fondazione Federico II, e promossa dall’Associazione Sicilia Promotion, con il contributo di Galleria Affiche Milano e Galleria 71 Palermo, sarà visitabile fino al 3 febbraio 2012. Sponsor d'eccezione URSA Italia SrL.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online