AGOSTO
20
2022
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Juan Bautista Martínez del Mazo Corinth Lovis Donna che dorme Puccini Mario - Barcone all' attracco nel porto di Livorno Kienerk Giorgio  La Vergognosa Velazquez Don Antonio de nittis signora con pelliccia Pollock Jackson Bazille frederic  Donna  Africana con peonie Bernard Emile Dintorni di Pont_aven 86 Sano di Pietro Predica di S. Bernardino in Piazza del Campo
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Oppi Ubaldo (1889-1942)
MONOGRAFIE » Artisti dalla M alla R

 
   
FOTO PRESENTI 1
 
 Oppi. Bozzetto per la pala di San Venanzio, 1923
Oppi Ubaldo (1889-1942)
OPPI. BOZZETTO PER LA PALA DI SAN VENANZIO, 1923
   
Ubaldo Oppi, nato a Bologna nel luglio del 1889, è vicentino d'adozione. Ancora giovanissimo, per aiutare il padre nella sua attività commerciale, viaggia in Austria e Germania. Nel 1906 è a Vienna, dove entra in contatto con il clima della Secessione e frequenta l'Accademia diretta da Klimt. Dopo aver viaggiato nell'Europa orientale, spingendosi sino alla Russia, rientra in Italia nel 1910 per il servizio militare. L'anno successivo si reca a Parigi dove conosce Severini e Modigliani e dove frequenta assiduamente le sale di pittura italiana del Louvre. Dopo l'esperienza della I guerra mondiale, durante la quale viene ferito e fatto prigioniero a Mauthausen, fa ritorno a Parigi. Nel '22 rientra in Italia e si avvicina al salotto della Sarfatti. L'anno successivo è tra i fondatori di Novecento, ma la sua posizione è decisamente individualistica. Già nel '24 l'artista, tradendo la decisione del gruppo di presentarsi solo in mostre collettive, espone individualmente alla Biennale veneziana con l'appoggio di Pica e Ojetti. Egli esce quindi dal gruppo ma mantiene rapporti con i suoi membri. Dal 1926 si dedica alla pittura religiosa convertendosi all'arte sacra che occuperà gli ultimi anni della sua produzione. Trasferitosi definitivamente a Vicenza all'inizio degli anni '30, si spegne nel 1942.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online