APRILE
14
2024
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Manet Edouard Il balcone Gris juan  banylus Schiele Egon La Danseuse Moa Lo spazzacammino Burri Alberto Fattori Marcature hebuterne Jeanne  Autoritratto Grubicy Vittore Anversa dalla mia finestra (Effetto di mattina), Berthe Morisot  Bambina fra le rose Schiele Egon   Eros
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Carpi Aldo 1886 - 1973
MONOGRAFIE » Artisti dalla A alla F

 

Carpi nasce a Milano nel 1886 e, dopo un apprendistato nello studio di Stefano Bersani, completa la sua formazione accademica a Brera dove si diploma nel 1910, sotto la guida di Cesare Tallone e Achille Cattaneo. Alle prime opere giovanili, tra cui molti ritratti, di schietta matrice lombarda e tardo ottocentesca, con echi della pittura scapigliata, seguono dipinti vicini al clima del Simbolismo e del Sintetismo europeo. Tra il '12 e '19 infatti l'artista opta per uno schema compositivo semplificato e regolato da sottili armonie, con immagini fortemente stilizzate, sospese tra serenità e malinconia. Con questo tipo di pittura, per tutti gli anni '10, l'artista ricerca atmosfere sospese e straniate. Ed è proprio questo interesse a legare Carpi, seppur in modo tangente, al clima di Novecento. Pur non essendone mai stato parte attiva, la sua propensione per il Realismo magico lo avvicina alle scelte del gruppo. Maria in rosso, del 1924, svela il legame con il clima novecentista, mostrando tutta la delicatezza di un sentimento intimo, famigliare presentato in un'immagine di impianto purista e classicheggiante. Per tutta la vita Carpi ricerca un cammino personale, guidato dalla libera ispirazione. Dopo la II guerra mondiale, durante la quale vive l'esperienza della deportazione in un campo nazista, ritorna all'attività espositiva e viene eletto nel '45 direttore dell'Accademia di Brera. In età già avanzata riprende alcuni cicli giovanili, come quelli delle "Maschere" e dei "Carabinieri", continuando a lavorare e a perfezionare le sue opere. Si spegne a Milano nel 1973, dopo aver assistito, l'anno precedente, all'importante antologica realizzata per lui dal Comune di Milano alla Rotonda della Besana.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online