FEBBRAIO
27
2024
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Natalja Goncharova - Il ciclista Cristoforo e Nicolao da Seregno, Ultima cena Braque george castello_a la roche guyon gaeta Enrico Belvedere di Quisisana Orchardson William Quiller Master Baby Voet Ferdinand (copia da Baciccio) Raffaello Sanzio  La Madonna del Cardellino Modigliani Amedeo Testa di donna con cappello Puccini Mario - Pagliai e case coloniche in Maremma Zei Gerardo - Hot trumped
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Monti Cesare (1891-1958)
MONOGRAFIE » Artisti dalla M alla R

 
Cesare Monti nasce a Brescia nel marzo del 1891. Ancora giovanissimo soggiorna per alcuni anni a Parigi, con il preciso intento di aggiornare la sua cultura artistica alle grandi novità che si sperimentano nella capitale. Nella produzione giovanile emerge l'eco della pittura francese impressionista e postimpressionista, sulla scia delle suggestioni di grandi maestri, come Manet, Renoir, Monet e Cézanne. Al suo rientro in Italia, nel 1912, inizia un'intensa attività produttiva che viene presto apprezzata. Nel corso degli anni '10 predilige stesure piatte e colori squillanti, di suggestione gauguinniana, avvicinandosi successivamente alla lezione del gruppo di Valori Plastici.
La vincita della borsa di studio "Legato Brozzoni" permette all'artista, nel 1921, di trasferirsi a Milano e di entrare così in contatto con i più importanti circoli culturali della città. Monti si sente accomunato ai sette membri del gruppo Novecento dalla coscienza di essere un pittore moderno e dalla ferma volontà di abbandonare un'arte ancora legata al naturalismo. Da questo momento infatti l'artista si rivolge a una pittura dall'impianto più saldo e dalle forme più costruite, evitando i virtuosismi e il tono idilliaco di certe tele giovanili. Nell'opera Figli, ad esempio, l'artista pone la sua attenzione sui due bambini, le cui forme, disposte su sfondi neutri e privi di profondità, vengono semplificate e al tempo stesso nobilitate da un'atmosfera intima e sospesa.
Ma quella del Novecento è solo una parentesi. Nella piena maturità Monti torna a dar spazio alla libera ispirazione e all'istinto. In questi anni, come ricorda Massimo Carrà, "il lavoro di Monti si affida al piacere del contemplare […]. Le forme tendono come a sciogliersi nella loro spontanea eleganza […] e i dati cromatici a giocare sulle cadenze più varie".
Dopo aver trascorso trent'anni della propria vita nello studio di via Montenapoleone a Milano, l'artista si spegne a Bellano nel 1958.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online