GIUGNO
22
2024
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
La mano del violinista Giovanni Segantini, L'aratura, 1886-90, Ritratto di stalin Correggio (Antonio Allegri) (1489-1534). Utrillo Maurice k Picasso Pablo   Paesaggio horta de ebro. Rysselberghe Theo van  Ritratto di Ottavio Maus Tintoretto La Trinità Il Mugnone
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Canova
MONOGRAFIE » Artisti dalla A alla F

 
   
FOTO PRESENTI 7
 
canova Amore e Psiche
Canova
CANOVA AMORE E PSICHE
canova cupido e psiche
Canova
CANOVA CUPIDO E PSICHE
Canova Ebe
Canova
CANOVA EBE
Canova  Orfeo
Canova
CANOVA ORFEO
Canova Danzatrice
Canova
CANOVA DANZATRICE
Canova Psiche rianimata dal bace di Cupido
Canova
CANOVA PSICHE RIANIMATA DAL BACE DI CUPIDO
Canova Testa di Elena di Troia
Canova
CANOVA TESTA DI ELENA DI TROIA
   
Canova, Antonio
(Possagno 1.11.1757 - Venezia 13.10.1822) Scultore italiano, tra i maggiori esponenti del neoclassicismo. Formatosi inizialmente a Venezia presso la bottega di G. Bernardi, studiò poi all’Accademia di Belle Arti. Sono di questo periodo le opere Orfeo ed Euridice (1773-76) e Dedalo e Icaro (1778-79), entrambe al Mus. Correr di Venezia, di impostazione ancora berniniana, che gli permisero di recarsi a Roma (1779) dove entrò in contatto con importanti personaggi della cultura neoclassica (F. Piranesi, P.G. Batoni, A.C. Quatremère de Quincy). Con raffinate interpretazioni di soggetti mitologici (Teseo e il Minotauro, 1783, Londra, Victoria and Albert Mus.; Amore e Psiche giacenti, 1787-93, Parigi, Louvre) si impose sulla scena artistica romana ottenendo numerose commissioni, fra cui i monumenti funerari a Clemente XIV (1783-87, Roma, Santi Apostoli) e a Clemente XIII (1792, Roma, S. Pietro). Lasciata Roma nel 1798, soggiornò a Possagno e Vienna (monumento a Maria Cristina d’Austria, 1798-1805, Vienna, chiesa degli Agostiniani). Nel 1802 funominato Ispettore generale delle Antichità e delle Belle Arti dello Stato Pontificio e sovrintendente dell’Accademia di S. Luca e dei musei Vaticano e Capitolino, e soggiornò a Parigi dove entrò in contatto con J.L. David e F. Gérard. Al culmine della fama, lavorò per Napoleone (Napoleone, 1803-6, Londra, Apsley House, replica in bronzo, 1811, Milano, cortile di Brera; Paolina Borghese come Venere vincitrice, 1804-7, Roma, Gall. Borghese) e scolpì il monumento a Vittorio Alfieri (1806-10, Firenze, S. Croce) e il raffinato e sensuale gruppo marmoreo delle Grazie (1812-16, San Pietroburgo, Ermitage e Los Angeles, Getty Mus.). Conservò un ruolo importante anche durante la restaurazione, riuscendo a ottenere, grazie al suo prestigio e alle sue doti diplomatiche, il permesso di far rientrare in patria le opere cedute alla Francia con il trattato di Tolentino. Nell’ultima fase della sua attività fu sensibile al rinnovamento generale del clima artistico, promosso a Roma dai nazareni e contemporaneamente in Francia da J.A.D. Ingres e in Inghilterra dai preraffaelliti, mostrando un nuovo interesse per gli scultori del sec. XV (Compianto sul Cristo morto, 1821, Possagno, Gipsoteca). Nel 1819 fece iniziare la costruzione del tempio di Possagno, trasposizione neoclassica del Pantheon di Roma, dove nel 1830 vennero traslate le sue spoglie.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online