SETTEMBRE
17
2021
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Maestro di Varlungo  Nicolas Poussin Paysage orageux avec Pyrame et Thisbé  Dove Arthur - Ballo della falena Morelli  Mattinata fiorentina Delaunay Robert Giorgio Kienerk - Fra gli sparagi Baccio Maria Bacci, Pomerggio a Fiesole, Lempicka Tamara  ragazza in verde Camarrano Michele donna  Sarda Chromy Anna Monaco danzatore
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Licini Osvaldo
MONOGRAFIE » Artisti dalla G alla L

 
   
FOTO PRESENTI 4
 
Licini Osvaldo
Licini Osvaldo
LICINI OSVALDO
licini Osvaldo
Licini Osvaldo
LICINI OSVALDO
Licini Osvaldo
Licini Osvaldo
LICINI OSVALDO
Licini Osvaldo
Licini Osvaldo
LICINI OSVALDO
   
Osvaldo Licini (Monte Vidon Corrado, 1894 – Monte Vidon Corrado, 1958) è stato un artista e pittore italiano. Pittore astrattista, nel 1911 si iscrisse all'Accademia di Belle Arti di Bologna e in seguito si trasferì a Parigi dove prende ispirazione dalla pittura di Henri Matisse. Nel 1958 vinse il premio della Biennale di Venezia. Negli anni '20 Licini si rivolge ad una pittura di paesaggio post-impressionista e fauve, con una riflessione su Morandi, ma la prima esposizione risale al 1914, all'Hotel Baglioni di Bologna. La sua fama è dovuta al fatto di essere stato uno dei primi in Italia a muoversi negli anni '30 verso l'astrattismo, inteso in senso europeo. Nel 1935 infatti è a Parigi e visita lo studio di Kandinsky e la mostra di Man Ray alla Galleria di Cahiers d'Art. L'astrattismo di Licini è comunque sia lontano dagli altri italiani, di Como e Milano. La sua pittura astratta è poesia, è potentemente lirica: è l'unico che si libera dalle gabbie del razionalismo geometrico attraverso il colore, la fantasia e un segno che lo conduce in un clima decisamente espressionistico e quindi pre-informale. L'unico artista a cui può essere avvicinato è Klee. Gli anni '40 segnano l'abbandono di ogni dogma e la sua arte entra nel campo di un surrealismo fantastico sui generis, in cui influenze nordiche (la moglie era svedese), poesia simbolista e post-simbolista, proprie riflessioni e motivazioni poetiche si fondono in serie di straordinaria intensità che arriveranno negli anni '50 a una totale immersione in un mondo non sognato, ma fantastico e fatto di sola arte e di una riflessione sulla propria pittura.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online