MAGGIO
10
2021
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Puccini Mario - Campagna Degas Edgar Miss La La at the Cirque Fernando Duncan Grant Borgianni Guido Autoritratto con Simonetta Bremer Kasimir Malevic - Quadrato nero su fondo bianco Dufy Raoul quarteyyo rosso Haring Keith     disegno per il Monte Carlo Ballet Ignoto Crocifisso - 1612 klimt Gustav Le amiche
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Della Robbia Luca
MONOGRAFIE » Artisti dalla A alla F

 
   
FOTO PRESENTI 10
 
Luca Della Robbia Madonna col bambino
Della Robbia Luca
LUCA DELLA ROBBIA MADONNA COL BAMBINO
1440- Prima in Santa Maria Nuova ed ora al Bargello bicromia con figura bianca su fondo azzurro, assume col suo luminoso candore , significati simbolici di purezza
Luca Della Robbia   Angelo reggicandela
Della Robbia Luca
LUCA DELLA ROBBIA ANGELO REGGICANDELA
1448-Firenze Santa Maria del Fiore. Una delle prime opere con figure a tutto tondo grande al vero in terracotta invetriata
Della Robbia  Luca     Tabernacolo
Della Robbia Luca
DELLA ROBBIA LUCA TABERNACOLO
1441-42- Firenze Santa Maria a Peretola Prima applicazione dell'invetriatura con inserti policromi nella struttura marmorea
Della Robbia Luca    Resurrezione
Della Robbia Luca
DELLA ROBBIA LUCA RESURREZIONE
1442-1444 Firenze Santa Maria del Fiore Grande lunetta per la porta della Sagrestia delle messe del Duomo . Bicromia bianco azzurro
Della Robbia Luca  Ascensione di Cristo
Della Robbia Luca
DELLA ROBBIA LUCA ASCENSIONE DI CRISTO
1446-51 Firenze Santa Maria del Fiore Grande lunetta per la porta della Sagrestia dei monaci Anche dietro richiesta della committenza adotta per questa scena toni più descrittivi e pittorici ed introduce nel paesaggio colori maggiormente naturali
Della Robbia Luca   Visitazione
Della Robbia Luca
DELLA ROBBIA LUCA VISITAZIONE
1445 circa- Pistoia San Giovanni Fuorcivitas Completamente invetriate di bianco, le sculture apparivano maggiormente brillanti del marmo e specialmente nella penombra delle chiese erano maggiormente visibili con effetti che esltavano la purezza e lo splendore simbolico delle immagini religiose
Della Robbia Luca  Cappella dei Pazzi
Della Robbia Luca
DELLA ROBBIA LUCA CAPPELLA DEI PAZZI
1430 circa-1470 Nella struttura architettonica della cappella dei Pazzi, adiacente a Santa Croce sono ospitate le terracotte invetriate eseguite da Luca ed Andrea Della Robbia
Della Robbia Luca  Madonna di Via dell'Agnolo
Della Robbia Luca
DELLA ROBBIA LUCA MADONNA DI VIA DELL'AGNOLO
1475-1480 Firenze Museo Nazionale del Bargello Opera tarda legata ad un linguaggio più studiato legato ad esempi gotici e bizantini
Della Robbia Luca    Stemma Arte medici e speziali
Della Robbia Luca
DELLA ROBBIA LUCA STEMMA ARTE MEDICI E SPEZIALI
1460 circa Firenze Orsanmichele
Della Robbia Luca   La Giustizia
Della Robbia Luca
DELLA ROBBIA LUCA LA GIUSTIZIA
1461-2 Firenze San Miniato Cappella del cardinale del Portogallo
   
Nel 1427 Luca si immatricola all'Arte della lana ed è tra i collaboratori  di Lorenzo Ghiberti alla Porta del Paradiso .Nel 1431  e per i sette anni successivi risulta impegnato ai lavori per La Cantoria del Duomo di Firenze  e nel 1432 si iscrive all'Arte dei Maestri di pietra e legname.Il successo della Cantoria e l'apprezzamento del Brunelleschi  garantirono per due decenni a luca importanti incarichi da parte dell'opera del Duomo, fra cui il completamento delle formelle trecentesche di Andrea Pisano per il campanile.Negli anni successivi Luca  abbandonò l'uso del marmo per dedicarsi alla sperimentazione ed alla messa a punto della terracotta invetriata .La prima applicazione di questa nuova arte la si trova negli inserti policromi che decorano il tabernacolo marmoreo  del Sacramento, già nell'ospedale di Santa Maria Nuova ed oggi in Santa  Maria a Peretola.tra il 1442 e il 1444 realizzò  la grande lunetta con la Resurrezione per  la porta della sagrestia del Duomo , seguta tra il 1446 al 1451 dall'Ascensione di Cristo , dove iniziò ad introdurre nel paesaggio  colori più vicini al naturale.nello stesso periodo eseguì le prime figure  grandi in terracotta invetriata come  i due Angeli Reggicandelabro per il Duomo di firenze ed il gruppo della visitazione per la chiesa di San Giovanni  Fuorcivitas a Pistoia . Nel 1445 insieme a Michelozzo  ed a Maso di Bartolomeo viene incaricato di eseguire la porta bronzea per la sagrestia del Duomo ed inizia a lavorare alla decorazione della cappella Pazzi. In questo periodo  ricevette l'apprezzamento di piero de' Medici , il raffinato figlio di Cosimo, che gli affidò  il rivestimento  della cappella del Crocifisso in San Miniato  al Monte , e del proprio studiolo  a palazzo Medici.Nel 1446 , assieme al fratello Marco aveva acquistato nel frattempo  una grande casa in via Guelfa con corte , loggia , pozzo ed orto  dove poteva meglio lavorare a quella che era diventata una  vera e propria produzione di sculture  in terracotta invetriata ed anche per potere mantenere i segreti della  tecnica  tra le mura familiari. nel 1453  ricevette commesse dal Portogallo   e nell'anno seguente il monumento sepolcrale del vescovo Federighi , oggi in santa Trinita.. Nel 1451 inizia la decorazione  della cappella del cardinale del Portogallo in San Miniato.. Inizia la collaborazione con il nipote Andrea , che si  concretizza in varie opere  tra le quali la decorazione delle due edicole  di Michelozzo del santuario di Santa Maria dell'Impruneta , nel Trittico dell'oratorio di san Biagio a Pescia  e nella copiosa produzione di stemmi invetriati, i maggior dei quali furono esposti all'esterno della chiesa di Orsanmichele e naturalmente delle numerose Madonne con bambino..Luca muore il 20 Febbraio e viene sepolto  nella tomba di famiglia nella chiesa di San Pier Maggiore.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online