AGOSTO
13
2020
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Claus Emile incontro sul ponte Castiglion Fiorentino, Marcucci mario Veduta alla Maddalena J.M.Dinglinger  Festeggiamenti di corte a  Dehli Costetti giovanni Ritratto del pittore  Renzo Agostini Federico Cortese, Da Mergellina, 1881, Oil on canvas, 29 x 68 cm Velocità astratta e rumore Guillaumin Alfred  Effetto sole kienerbk Giorgio   Ritratto di Modella morbelli angelo
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
La pittura danese
PITTURA » Periodi

 
   
FOTO PRESENTI 15
 
Christoffer Wilhelm Eckersberg    Colosseo
La pittura danese
CHRISTOFFER WILHELM ECKERSBERG COLOSSEO
1815 -16.
Christoffer Wilhelm Eckersberg  Ritratto di Bertel Thorvaldsen
La pittura danese
CHRISTOFFER WILHELM ECKERSBERG RITRATTO DI BERTEL THORVALDSEN
Christoffer Wilhelm Eckersberg : La famiglia
La pittura danese
CHRISTOFFER WILHELM ECKERSBERG : LA FAMIGLIA
Christoffer Wilhelm Eckersberg Donna allo specchio, 1837
La pittura danese
CHRISTOFFER WILHELM ECKERSBERG DONNA ALLO SPECCHIO, 1837
Christoffer Wilhelm Eckersberg Ritratto
La pittura danese
CHRISTOFFER WILHELM ECKERSBERG RITRATTO
madame frederikke christine Schmidt 1818,olio 157,5x97,5
Christian Albrecht Jensen Portrait
La pittura danese
CHRISTIAN ALBRECHT JENSEN PORTRAIT
of Birgitte Søbøtker Hohlenberg (née Malling), 1826, oil on canvas, Statens Museum for Kunst, Copenhagen
Christian Albrecht Jensen   Portrait of Hans Christian Andersen
La pittura danese
CHRISTIAN ALBRECHT JENSEN PORTRAIT OF HANS CHRISTIAN ANDERSEN
Christen Kobke. ritratto di Frederik Sebring
La pittura danese
CHRISTEN KOBKE. RITRATTO DI FREDERIK SEBRING
CHRISTEN KØBKE ,Marina Piccola at Capri,
La pittura danese
CHRISTEN KØBKE ,MARINA PICCOLA AT CAPRI,
1810 - 1848, 38 x 50,5 cm. Oil, 1839-40,
Christen Kobke
La pittura danese
CHRISTEN KOBKE
The View of the Plaster Cast Collection at Charlottenborg Palace Den Hirschsprungske Samling, Copenhagen
MARTINUS RØRBYE
La pittura danese
MARTINUS RØRBYE
MARTINUS RØRBYE  Vista sulla campagna romana
La pittura danese
MARTINUS RØRBYE VISTA SULLA CAMPAGNA ROMANA
32 x 41 cm Oil, 1835,
Christian Kobke   Uno dei laghi nei dintorni di Copenhagen
La pittura danese
CHRISTIAN KOBKE UNO DEI LAGHI NEI DINTORNI DI COPENHAGEN
Oskar Reinhart Foundation, Winterthur1838
Christoffer Wilhelm Eckersberg   Bella and Hanna,
La pittura danese
CHRISTOFFER WILHELM ECKERSBERG BELLA AND HANNA,
the Eldest Daughters of M.L. Nathansson
MARTINUS RØRBYE
La pittura danese
MARTINUS RØRBYE
   
Venne invece affascinato dai monumenti antichi e subito cominciò a dipingere rovine e chiese medioevali.
Questi dipinti in seguito influenzarono la pittura Danese.
Eckersberg dipinse i più famosi monumenti di Roma  come tanti altri pittori europei avevano fatto prima di lui, ma il pittore danese gli mostrò in una luce diversa, rivolgendo la sua attenzione anche a motivi di minore importanza e che nessuno prima di lui aveva dipinto.
Il suo metodo di lavoro consisteva in una composizione pittorica ordinata e precisa.
Era un uomo obiettivo e realista e , nei suoi quadri, non c'è alcuna esaltazione romantica.
Ogni dettaglio viene riprodotto con molta accuratezza ed i suoi soggetti sono sempre illuminati da una luce forte ed inconsueta.
Eckersberg fù il primo pittore danese che ,durante il soggiorno romano, dipinse all'aperto e a questo modo aprì la strada a un diretto e profondo studio diretto della natura.
Con i suoi dipinti romani fissò il punto di partenza della pittura danese per i succesivi trent'anni.Furono proprio i suoi dipinti a indicare alla generazione successiva di pittori quali soggetti scegliere durante il soggiorno in Italia almeno fino al 1850, il periodo denominato "l'età d'oro".
Nel 1818 Eckersberg venne nominato professore all'Accademia d'Arte di Copenaghen: ebbe così la possibilità di trasmettere i suoi principi pittorici alla nuova generazione di artisti.
L'affluenza di discepoli alle sue lezioni era enorme. Per la prima volta si poteva parlare di una scuola d'arte in Danimarca o, più precisamente, a Copenaghen, dal momento che tutta la vita culturale dell'epoca era concentrata esclusivamente nella capitale.
Come i suoi predecessori, Eckersberg dava molta importanza alla figura umana, ma sotto di lui l'insegnamento si rinnovò e divenne più conforme alle esigenze del tempo.
Il nudo uscì dal mondo sublime e distante delle pitture storiche e assunse invece atteggiamenti più reali e ordinari.
Come novità, Eckersberg introdusse nei programmi didattici escursioni nei dintorni di Copenaghen per dare ai suoi allievi la possibilità di dipingere e disegnare a diretto contatto con la natura. Lo studio della natura divenne quindi una parte importante dell'insegnamento all'Accademia d'Arte, evento assolutamente inedito per quell'epoca.
Naturalmente c'erano sempre stati artisti che amavano dipingere i loro soggetti all'aperto, ma nelle accademie d'arte di tutta Europa l'insegnamento era tuttora legato ai vecchi ideali classici.
Non solo in Danimarca quindi, ma anche sul piano europeo, Eckersberg va considerato un grande innovatore. Il fiorire dell'età d'oro in Danimarca coincide con una crisi economica tra le più gravi della storia danese.
Alla fine delle guerre napoleoniche, nel 1814, il commercio estero era stagnante e il paese si trovava in una crisi economica che durò fino all'inizio del 1830.
A causa delle ristrettezze economiche, i danesi impararono a cercare le gioie e soddisfazioni della vita nelle piccole cose quotidiane.
Anche i pittori si dedicarono alla rappresentazione di avvenimenti umili, vicini alla vita di tutti i giorni, scene di vita familiare nelle case della borghesia, strade, piazze, vicoli e dintorni della città.
La famiglia divenne uno dei pilastri più importanti nella società danese dell'età d'oro, e i pittori si specializzarono nelle rappresentazioni di una idillica vita familiare: l'intimità con i figli, la tranquillità della lettura del giornale o del lavoro a maglia.
Questi erano i motivi preferiti, ma la borghesia di Copenaghen commissionava anche piccoli ritratti dei membri della famiglia.
Quasi tutti i pittori dell'epoca dipingevano anche ritratti, e alcuni di loro, come Christian Albrecht Jensen, lavoravano esclusivamente come ritrattisti.
Eckersberg incitava i suoi allievi a esercitarsi su tutto: anche un soggetto di poca importanza poteva servire a sviluppare il loro senso di osservazione e la loro abilità.
Gli allievi seguivano il suo consiglio. Non era necessario andare lontano per trovare un soggetto su cui esercitarsi: la vista dalla finestra dell'atelier del maestro, oppure il cortile dietro il palazzo di Charlottenborg, sede dell'Accademia.
Videro così la luce un'infinità di ritratti di artisti che danno oggi un'idea del modo di lavorare dei pittori dell'epoca: intenti a studiare le copie delle sculture antiche, a disegnare un modello dal vero, a dipingere al cavalletto o mentre modellano una scultura. I dipinti mostrano chiaramente che per diventare un vero artista ci vuole pazienza, precisione e molta professionalità.
Queste pitture inoltre rivelano anche come l'artista vedeva se stesso: non un artigiano, né un rivoluzionario romantico, e neppure un visionario scapigliato della generazione successiva. Gli artisti di quel periodo erano invece giovani seri e pensosi, che con la loro arte volevano raggiungere uno scopo ben preciso.
Ed erano tutti quanti maschi: l'accesso all'Accademia era loro vietato. Le donne che volevano intraprendere la carriera d'artista dovevano rivolgersi a un professore per lezioni private.
C'è un artista che più di ogni altro può considerarsi il prodotto della crisi economica e dell'orizzonte piuttosto limitato dell'epoca: Christen Kobke. Intorno al 1840 in Danimarca cominciò a diffondersi una nuova forma di pittura paesaggistica; fino ad allora solo pochi danesi la praticavano, ma una nuova situazione politica contribuì al cambiamento.
Si in viaggio era sempre l'Italia e soprattutto a Roma i giovani cercavano i soggetti che Eckersberg aveva fatto loro conoscere.
Non si limitavano, però, a dipingere solo i monumenti antichi: erano attirati in eguai misura dalla vita popolare, e molti dei loro dipinti divennero documenti di viaggio.
Un solo artista, Martinus R0rbye, scelse una meta diversa. Fu uno dei primi a recarsi in Grecia e in Turchia nel 1835, pochi anni dopo la fine della guerra d'indipendenza greca. Intorno al 1840 in Danimarca cominciò a diffondersi una nuova forma di pittura paesaggistica; fino ad allora solo pochi danesi la praticavano, ma una nuova situazione politica contribuì al cambiamento.

DIPINTI CHE ESALTANO IL PAESAGGIO
A partire dal 1830, infatti, erano sorti diversi contrasti tra la popolazione filo-danese e quella filo-tedesca nei due ducati di Schleswig e Holstein, che appartenevano alla Corona danese.
Nel regno vari personaggi influenti facevano di tutto per sostenere il "danesismo".
Un certo numero di artisti, tra i quali diversi pittori, fecero proprie queste idee e cominciarono a esaltare il paesaggio danese nei loro quadri, dimostrando che poteva competere con quello dei paesi stranieri.
I giovani paesaggisti uscirono dal centro della città, si recarono in campagna e qui non trovarono la natura selvaggia, bensì il bel paesaggio agricolo coltivato.
Già da allora, infatti, non esisteva praticamente più il paesaggio incontaminato della Danimarca.
L'età d'oro della pittura danese finisce intorno al 1850, quando morirono molti pittori famosi e altri smisero di dipingere. Intanto nuovi ideali artistici prendevano forma e sostituivano quelli passati.



Christen Købke (1810 -1848) In vita ottenne soltanto dei dignitosi riconoscimenti, ma a cominciare dal diciannovesimo secolo è stato considerato come uno dei più importanti pittori danesi del suo tempo.In Danimarca il Biedermeier era consciuto come " The Golden Age" o " The Age of kobke". Figlio di un macellaio, K entrò all'Accademia di Copenhagen all'età di 21 anni. Il suo primo insegnante fù il ritrattista C. A. Lorentzen. Diviene uno scolaro di Eckersberg e continuò  a lavorare nel suo studio fino al 1832 assorbendone lo stile proiettato al realismo e facendo insieme a lui molte prove dei suoi lavori più importanti , andando in giro nei dintorni di Copenhagen. Christoffer Wilhelm Eckersberg (1783-1853).




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online