AGOSTO
18
2019
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Stati d' animo 2 - Quelli che vanno Klee Paul Pagni Ferruccio - La pineta Delaunay    Velocità e ritmo Morisot Berthe  villaggio Lempicka de Tamara  Vallotton Felix Interno Pissarro  Camille Hampton Court Green, Pissaro       Hide Park Federighi Francesco -  Jasmin 2
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Léger Fernand
MONOGRAFIE » Artisti dalla G alla L

 
   
FOTO PRESENTI 15
 
Leger Ferdinand  La grande parata
Léger Fernand
LEGER FERDINAND LA GRANDE PARATA
Leger Ferdinand  Paesaggio
Léger Fernand
LEGER FERDINAND PAESAGGIO
Leger Ferdinand  il giardino di mia madre
Léger Fernand
LEGER FERDINAND IL GIARDINO DI MIA MADRE
1905. 46 x 38 cm. Musée National Biot.
Leger Ferdinand La creazione del mondo
Léger Fernand
LEGER FERDINAND LA CREAZIONE DEL MONDO
1923. acquerello30 x 17 cm. Dansmuseet. Estocolmo.
Leger Ferdinad   Smocke
Léger Fernand
LEGER FERDINAD SMOCKE
1912. Olio su tela 92 x 73 cm. Room of Contemporary Art Fund.
leger Ferdinand  Il grande rimorchiatore
Léger Fernand
LEGER FERDINAND IL GRANDE RIMORCHIATORE
1923. Olio su telatela. 125 x 190 cm. Musée National Fernand Léger y Georges Bauquier.
Leger Ferdinand  Il passaggio a livello
Léger Fernand
LEGER FERDINAND IL PASSAGGIO A LIVELLO
1912. Olio su tela. 93 x 81 cm. Galerie Beyeler. Basilea.
Leger Ferdinand  Le scale
Léger Fernand
LEGER FERDINAND LE SCALE
1913. Olio su tela. 144 x 118 cm. Kunsthaus. Zurich.
Leger ferdinand La casa tra gli alberi
Léger Fernand
LEGER FERDINAND LA CASA TRA GLI ALBERI
Olio su tela . 130 x 97 cm. Kunstmuseum. Basilea.
Leger Ferdinand Il 14 Luglio
Léger Fernand
LEGER FERDINAND IL 14 LUGLIO
1914. Olio su tela. 73 x 60 cm. Musée National Biot.
Leger Ferdinand La partita di carte
Léger Fernand
LEGER FERDINAND LA PARTITA DI CARTE
1917. olio su tela. 129 x 193 cm. Rijksmuseum Kröller-Müller. Otterlo.
Leger Ferdinad  Le nozze
Léger Fernand
LEGER FERDINAD LE NOZZE
1910-1911. Olio su tela 257 x 206 cm. Musée National d'Art Moderne. centre Georges Pompidou. París. Francia.
Leger Ferdinand Le grand dejuener
Léger Fernand
LEGER FERDINAND LE GRAND DEJUENER
1921. olio su tela. 183,5 x 251,5 cm. Collection, The Museum of Modern Art. Nueva York. EEUU.
Leger Ferdinand Modella nuda nell'Atelier
Léger Fernand
LEGER FERDINAND MODELLA NUDA NELL'ATELIER
1912-1913. Olio su tela da imballaggio 127,8 x 95,7 cm. Solomon R. Guggenheim Museum. Nueva York. USA.
Leger Ferdinand  Il circo
Léger Fernand
LEGER FERDINAND IL CIRCO
1918. olio su tela. 58 x 94,5 cm. Musée National d'Art Moderne, Centre Georges Pompidou. París. Francia.
   
Benché gli fosse negata l'ammissione all'Ecole des Beaux-Arts, ne frequenta ugualmente le lezioni. Studia inoltre all'Académie Julian e dipinge secondo moduli di chiara influenza impressionista, i primi lavori di questo genere conosciuti di Léger sono del 1905.
La retrospettiva di Paul Cézanne al Salon d'Automne del 1907 e il contatto con il primo cubismo di Pablo Picasso e Georges Braque sono momenti significativi nell'evoluzione dello stile personale di Léger. Nel 1910 espone con Braque e Picasso alla Galleria di D-H Kahnweiler e qui, nel 1912, tiene la sua prima personale.
Dopo la parentesi della guerra, che lo avvicina al mondo meccanico per un verso e a quello umano e proletario dall’altro, si immerge in una assidua ricerca pittorica per poter sviluppare queste tematiche. Realizza lavori con carattere e contenuto spiccatamente sociale, ruotante intorno al mondo della macchina e dei meccanismi, espressi in modo monumentale.
All'inizio degli anni ‘20 collabora con lo scrittore Blaise Cendrars ad alcuni films e disegna scene e costumi per il Ballet suédois di Rolf de Maré; negli anni 1923-24 lavora al suo primo film senza trama, Ballet mécanique. Nel 1924 apre un atelier con Amédèe Ozenfant e nel 1925, all'Exposition Internationale des Arts Décoratifs, presenta le sue prime pitture murali al Pavillon de l'Esprit Nouveau di Le Corbusier. Nel 1931 visita per la prima volta gli Stati Uniti; nel 1935 il Museum of Modern Art di New York e l'Art Institute di Chicago tengono mostre dei suoi lavori. Léger vive negli Stati Uniti dal 1940 al 1945, ma ritorna in Francia dopo la fine della guerra.
Negli ultimi dieci anni di vita, i molti progetti di Léger spaziano dall'illustrazione di libri ai dipinti di figure monumentali e alle pitture murali, da vetrate mosaici, sculture policrome di ceramica a disegni per scenografie e costumi teatrali.
Nel 1955 vince il Gran Premio della Bienal di San Paolo. Léger muore il 17 agosto nella sua casa di Gif-sur-Yvette, Francia. Nel 1959 viene fondato a Biot il Musée National Fernand Lèger.



Un arte monumentale in attesa dei muri
Per Léger la funzione della pittura è “ Un’arte astratta che deve adattarsi ai muri… Se l’espressione pittorica è cambiata, è che la vita moderna l’ha reso necessario”.
Avendo sotto gli occhi i dipinti di Picasso e Braque, Fernand Léger dà al Cubismo una dimensione personale, dal carattere spiccatamente sociale e intrinsecamente monumentale, ricca di colore, che in seguito sviluppa in uno stile unico ed estremamente originale, con continui sconfinamenti nell’arte ornamentale, nella scenografia, nell’affresco, nel mosaico. La sua pittura ha sempre avuto bisogno di uno spazio collettivo per essere intesa nella sua pienezza di forme, nel ricco rapporto cromatico e nella robustezza della composizione.
Seguace di alcune percezioni moderne con grande convinzione, sente il bisogno di esprimere nella pittura la bellezza dell'oggetto comune, dell'oggetto fatto a macchina e dell'atmosfera della vita nella città contemporanea. Quest'ultimo è il tema del suo “Uomini in città” nel quale i piani intersecanti del tardo Cubismo suggeriscono le immagini sfocate, i colori metallici e le forme rigide del panorama urbano.
Nel sovrapporre, intrecciare e opporre curve e sagome spigolose, l’artista crea una tensione dinamica che ancora manca al Cubismo “ortodosso” e che è piuttosto assimilabile alle contemporanee esperienze dei futuristi, di cui condivide l’attrazione per la bellezza meccanica e dinamica della società moderna.





 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online