AGOSTO
18
2019
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Gauguin Paul  Vegetazione tropicale de Chirico Giorgio Vita Silente Whistler James Abbott McNeill A Draped Model Reclining de Nittis. La nevicata Vallotton Felix  Strada di St. Paul Dalí  Salvador  Dali da dietro che dipinge Gala da dietro resa eterna da sei cornee virtuali. Maillol  Aristide  Mediterraneo  Joni Icilio Federico copia da Sano di Pietro Klee Paul van Gogh Barche sulla spiggia
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Cortese Federico ( Napoli, 1829-1913)
MONOGRAFIE » Artisti dalla A alla F

 
   
FOTO PRESENTI 2
 
 Cortese Federico  Ruderi di un mondo che fu, 1890
Cortese Federico ( Napoli, 1829-1913)
CORTESE FEDERICO RUDERI DI UN MONDO CHE FU, 1890
Olio su tela, 93.6x185.5 cm
Federico Cortese, Da Mergellina, 1881, Oil on canvas, 29 x 68 cm
Cortese Federico ( Napoli, 1829-1913)
FEDERICO CORTESE, DA MERGELLINA, 1881, OIL ON CANVAS, 29 X 68 CM
   
Proveniente dallo studio di Salvatore Fergola, frequentò i corsi di Smargiassi e di Morelli presso il Regio Istituto di Belle Arti di Napoli. Dalla metà degli anni cinquanta Cortese si stabilì a Roma, esercitandosi allo studio della campagna romana in comunione di intenti con Achille Vertunni. Nel 1859 partecipò all'ultima Biennale borbonica, e nel 1861 alla prima mostra unitaria a Firenze, con un "Paesaggio con lago".
Uno degli esiti più felici di questo periodo romano fu il dipinto "Ariccia. Campagna romana" [cat. 56], eseguito nel 1864 su commissione di Vittorio Emanuele II e l'anno seguente donato dal re alla Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino, opera che gli fruttò la nomina a professore onorario della torinese Accademia Albertina. Si trasferì poi a Parigi dove espose alla Esposizione universale del 1867 "Campagna romana" e "Nebbia negli Appennini".
Qui si incontrò con i paesaggisti della scuola di Barbizon, condividendone l'interesse per un paesaggio ricco di umori acquosi, di giochi di riflessi, di luci incerte.
Prese parte anche a qualche edizione del Salon. La "Veduta presa dalla Sabina", esposta al Salon del 1868, fu acquistata dal Ministero della Pubblica Istruzione francese e destinata al Musèe Salies di Bagnères-de-Bigorre. In precedenza aveva partecipato piuttosto regolarmente alle Promotrici napoletane, a cominciare dalla prima, nel 1862, con tre vedute della "Campagna romana".
Tra le altre, ricordiamo le mostre del 1863 ("Gli avanzi dell'acquedotto Claudio in Roma") e del 1867 ("Paesaggio" ed "Effetto di sole nelle Maremme", andati in sorte rispettivamente alla Provincia di Napoli e alla Real Casa). Nel 1873 mandò alla Promotrice quattro lavori fuori premiazione "fuori concorso", "Mare grosso a Mergellina", "Sui monti", "La sera nelle Maremme" e "Palazzo della Regina Giovanna a Posillipo".
Fu segretario delle Promotrici del 1874 e del 1875; alla prima propose tra gli altri "Il mattino" (sorteggiato in favore della Promotrice di Milano). Lo incontriamo poi ancora alle Promotrici del 1904, 1906 e 1911. In sede nazionale l'artista fu spesso presente. A Parma, dove nel 1870 espose ben sette paesaggi, fece parte dei giurati, e fu tra i sostenitori della premiazione del "Colombo" di Montevederde. All'Esposizione di Napoli del 1877 propose "Sant'Arcangelo di Cava", "La Basilica di Pesto", "Presso Napoli", "Crepuscolo" e "Nel bosco"; a quella di Torino del 1880 presentò "Il bosco di Capodimonte" e una veduta di "Paestum".
L'anno seguente, alla Mostra di Milano, propose una serie di sette opere, e con altre cinque, fra cui "La Marne (presso Parigi)", "Solitudine" e "Champigny", si presentò alla Mostra nazionale di Roma del 1883. A Torino nel 1884 espose un dipinto intitolato "Calma", mentre alle Esposizioni riunite di Milano del 1894 inviò due quadri, "Acque stagnanti" e "Campagna francese"; altri due quadri espose a Torino nel 1898. Un anno prima di morire, nel 1912, partecipò con quattro lavori alla mostra napoletana alla Sala Tarsia.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online