MAGGIO
27
2019
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
scultura i Evenepoel Henri domenica al Bois de Boulogne Favretto Giacomo La raccolta del riso nelle terre del basso veronese Magritte Renè La lampada filosofica Kienerk Giorgio  La Vergognosa Vittorio Corcos Marina (1895-1900) Bernard Emile Madeleine al boulevard d'Amour Arnolfo di Cambio Donna alal Fonte Boudin Eugene villaggio su di un fiume Macke August Nudo con collana
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
La Società in Arte Libertas
PITTURA » Periodi

 
   
FOTO PRESENTI 1
 
Vincenzo Cabianca Palestrina, 1868
La Società in Arte Libertas
VINCENZO CABIANCA PALESTRINA, 1868
, , olio su cartoncino, 32x23,2. Firenze, Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti.
   
Dall'impulso innovatore di 'In Arte Libertas', nacque nel 1904 la Società dei XXV della Campagna Romana, costituita da artisti che continuarono con passione lo studio della natura soprattutto nell'Agro Pontino e lungo le rive del Tevere. Il gruppo iniziale era formato da Onorato Carlandi, segretario e vera anima della società, Giuseppe Cellini, Enrico Coleman, Cesare Biseo, Ettore Ferrari, Giuseppe Ferrari, Paolo Ferretti, Alessandro Morani, Napoleone Parisani; a loro si aggiunsero in seguito altri pittori, fra i quali Sartorio, Cecconi, Raggio, Coramaldi, Grassi, Cambellotti. Frequentemente usate erano le tecniche dell'acquerello e del pastello, per meglio cogliere le suggestioni del paesaggio romano, nel variare della luce e degli effetti atmosferici.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online