MARZO
08
2021
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Boldini giovanni M.me Salgman Della Robbia Andrea     ,  Adorazione della Vergine, Caillebotte pincherle Adriana la terrazza M onet Claude   Terrazza sul mare a Sainte-Adresse Bazill  e Frederic    The Little Gardener  Klimt Gustav Il grande pioppo Monet Claude  giardino fiorito a Saint Andresse Il Generale 1929 RENOIR Pierre Auguste ETUDE : TORSE, EFFET DE SOLEIL
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Fillia
MONOGRAFIE » Artisti dalla A alla F

 
   
FOTO PRESENTI 5
 
Fillia
Fillia
FILLIA
Fillia
Fillia
FILLIA
fillia
Fillia
FILLIA
Fillia Il costruttore
Fillia
FILLIA IL COSTRUTTORE
fillia
Fillia
FILLIA
   
Fillia (Revello 3 ottobre 1904 - Torino 10 febbraio 1936) il cui vero nome era Luigi Colombo (Fillia era il cognome materno) è stato un artista futurista italiano poliedrico nell'affrontare diverse problematiche artistiche. Forse nel presagio di una breve vita si mosse in modo animato e attivo sul fronte delle avanguardie artistiche, soprattutto abbracciando in toto lo spirito futurista, nel periodo definito secondo futurismo di cui fu fondatore, animatore e leader sul territorio torinese. Nel 1922 è coautore del libretto Poesia proletaria e nel 1923 costituisce a Torino i Sindacati Artistici Futuristi, promotori di una rivoluzione proletaria in chiave futurista. Nel 1928 organizza il Padiglione Futurista per l'Esposizione Internazionale di Torino. La sua iniziale attività è legata fortemente alla parola, sia nel teatro che nella poesia, ma sfocia anche nella pittura, con uno stile legato inizialmente all'astrazione per poi giungere a una figurazione che viene definita cosmica. Pubblica la rivista La terra dei vivi. Svolge anche attività critica e storica e fonda le pubblicazioni la Città Futurista nel 1929 e La Città Nuova nel 1931. In questo ultimo anno, cura la pubblicazione di un importante repertorio internazionale La Nuova Architettura e firma con Marinetti il Manifesto dell'arte sacra futurista. È stata recentemente messa in evidenza una serie di suoi lavori pittorici sull'arte sacra, tema classico della tradizione italiana, rivisitato in una sperimentale chiave spirituale-meccanica futurista. Nel 1932, sempre con Marinetti firma La cucina futurista. Nel 1933 esegue con Enrico Prampolini il grande mosaico futurista Le comunicazioni all'interno della torre del Palazzo delle Poste alla Spezia.




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online