OTTOBRE
18
2017
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Van Dongen   Kees Indian Dancer Guillaumin Armand Quai de la Gare Zandomeneghi Federico Donna nuda Théodore Rousseau The Forest in Winter at Sunset, ca. 1846–67 Gleisez<Albert Broadway Alberto Pasini, Sul corno d’oro, Duchamp Marcel  Ruota di biciclette Bottega di Andrea Della Robbia,  Stemma Buondelmonti Bierstadt Albert Lower Yellowstone Falls, Gris Juan  Colazione
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Gaetano Fiore alla 5^ Biennale di Ferrara 2010
TUTTE LE MOSTRE » Mostre 2010

 
   
FOTO PRESENTI 2
 
Arazzi n.01
Gaetano Fiore alla 5^ Biennale di Ferrara 2010
ARAZZI N.01
Arazzi n.02
Gaetano Fiore alla 5^ Biennale di Ferrara 2010
ARAZZI N.02
   
Nella sezione "Dissolvenze incrociate" curata da Virgilio Patarini
L'architettura del colore nella pittura di Gaetano Fiore - Andrea Petrai     DAL BUNKER ALL’ESTASI: DISSOLVENZE INCROCIATE
A cura di Virgilio Patarini.

Opere di Stefano Accorsi, Anna Maria Angelini, Simone Boscolo, Ivano Boselli, Loredana Campa, Enza De Paolis, Gaetano Fiore, Giovanni Marinelli, Marco Post Morello, Simona Ragazzi, Edoardo Stramacchia, Paolo Stefanelli.

Ferrara, Chiostro di Sant’ Anna e Salone di San Francesco 16-25 di novembre 2010

Essere o non essere? 
In un’epoca di transizione come quella che stiamo attraversando non è strano imbattersi in artisti che indagano l’ambiguità dell’Essere, l’evanescenza dell’Esserci, mettendo in scena, al tempo stesso, in un gioco ubriacante di specchi, l’assenza della presenza e la presenza dell’assenza di quello che è Soggetto per eccellenza: l’Uomo. Ed ecco che sul gioco ambiguo tra presenza e assenza si innesca un altro gioco spiazzante di specchi: il soggetto si fa oggetto, e viceversa. 
Così risulta impossibile definire se le figure del secolo scorso, tratte da vecchie fotografie, con le quali Simone Boscolo popola le sue opere, affiorino sulle onde della Memoria o stiano piuttosto sprofondando negli abissi dell’Oblio.
E le epifanie di alberi scheletrici e stilizzati di Gaetano Fiore sono manifestazioni del Reale o deliri del Sogno? E nei quadri di Stefano Accorsi è la luce (dell’anima) a farsi largo nella tenebra di denso colore vibrante o viceversa è la tenebra ad inghiottire la luce? E i fumetti cancellati di Stramacchia rappresentano l’apoteosi della cultura pop o la sua dissoluzione?
La memoria e l’oblio, la presenza e l’assenza, il tutto e il nulla: questa mostra danza sul filo invisibile (e indissolubile) che lega questi opposti e forse finisce per suggerire che, in realtà, gli opposti non solo rappresentano due ris-volti della stessa medaglia, ma forse, addirittura, sono la stessa cosa. 
Essere o non essere? Entrambe le cose. Contemporaneamente.  




 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online