AGOSTO
06
2020
Centro Europeo del Restauro di Firenze
UTENTE
PASSWORD
RECUPERA PASSWORD | REGISTRATI
Sickert Richard Piero della Francesca.    Resurrezione di Cristo De grada  paese deòòa neve Lojacono Francesco Piccolo cantiere Pietro Ricchi La consegna delle chiavi a San Pietro Marc Franz  Cavallo Azzurro IBlaues Pferd I, 1911 Boudin Eugene Porto di Le Havre ERICH HECKEL “ROQUAIROL” 1917   Lega silvestro  ritratto di gGulia Bandini Silvestro Lega L'educazione al lavoro,
 
Nuova mostra


CARLO LEVI - IL VOLTO DEL NOVECENTO
CARLO LEVI "Il volto del novecento" 100 opere di Carlo Levi fra pitture e...

19/08/2013
 
 


GALLERIE VIRTUALI
•› ASTRATTISMO
•› STORIA DEI " MACCHIAIOLI "
•› STORIA DELL' IMPRESSIONISMO


MONOGRAFIE
•› ARTISTI DALLA A ALLA F
•› ARTISTI DALLA G ALLA L
•› ARTISTI DALLA M ALLA R
•› ARTISTI DALLA S ALLA Z


PITTURA
•› PERIODI
•› TEMATICHE


SCRITTI D’ARTE
•› APPROFONDIMENTI DA TESTI


SCULTURA
•› MOSTRE DI SCULTURA
•› SCULTORI


TUTTE LE MOSTRE
•› ARCHIVIO
•› MOSTRE 2008
•› MOSTRE 2010
•› MOSTRE 2012
•› MOSTRE 2013
•› MOSTRE ALL'ESTERO
•› MOSTRE IN ITALIA (2004)
•› MOSTRE IN ITALIA 2005


VALUTAZIONI D'ARTE
•› DA ASTE


VENDITA ONLINE
•› ENTRA PER VEDERE LE OPERE


VOCABOLARIO D'ARTE
•› TECNICHE


 
 

 
Dal Danubio al Tevere Il soggiorno romano d'un gruppo di artisti ungheresi nella prima metà del '900
PITTURA » Tematiche

 
   
FOTO PRESENTI 6
 
Korb  Erzsebet Rivelazione
Dal Danubio al Tevere Il soggiorno romano d'un gruppo di artisti ungheresi nella prima metà del '900
KORB ERZSEBET RIVELAZIONE
olio su tela 152x146 Galleria nazionale di Ungheria, Budapest
Sandor Basilides  donna seduta
Dal Danubio al Tevere Il soggiorno romano d'un gruppo di artisti ungheresi nella prima metà del '900
SANDOR BASILIDES DONNA SEDUTA
coll.priv.
Istvan Szony Bambini , olio su tela 85x170 coll.priv.
Dal Danubio al Tevere Il soggiorno romano d'un gruppo di artisti ungheresi nella prima metà del '900
ISTVAN SZONY BAMBINI , OLIO SU TELA 85X170 COLL.PRIV.
Vilmos Aba-Novak  Strada italiana , olio su tela 60x50 coll.priv.
Dal Danubio al Tevere Il soggiorno romano d'un gruppo di artisti ungheresi nella prima metà del '900
VILMOS ABA-NOVAK STRADA ITALIANA , OLIO SU TELA 60X50 COLL.PRIV.
Endre Domanovsky 190x85 coll.priv.
Dal Danubio al Tevere Il soggiorno romano d'un gruppo di artisti ungheresi nella prima metà del '900
ENDRE DOMANOVSKY 190X85 COLL.PRIV.
Erzsèbet Korb   Autoritratto olio su tela 80x60 coll.
Dal Danubio al Tevere Il soggiorno romano d'un gruppo di artisti ungheresi nella prima metà del '900
ERZSèBET KORB AUTORITRATTO OLIO SU TELA 80X60 COLL.
   
Citiamo per tutti un genio: Albrecht Diirer (Norimberga 1471-1528), figlio di un orafo tedesco immigrato dall'Ungheria, che soggiornò in Italia - e in specie a Venezia - due volte: a studiare Andrea Mantegna e Giovanni Bellini e lasciarvi capolavori, piccoli e grandi, come la pala della Madonna del Rosario per la chiesa di San Bartolomeo, che ora si trova nella Pinacoteca di Praga. E poi, dietro Albrecht Dù-rer, un pellegrinaggio infinito, in una sorta di Grand Tour compiuto non più per vezzo ma per necessità interiore e culturale. Gli artisti provenivano dalla Francia dall'inghilterra e dall'Ungheria: Paese, quest'ultimo, che ebbe a Roma, a partire dal 1928 fino a! 1940 circa, la sua attiva e fruttuosa "Római Iskola", un movimento artistico composto da circa 130 pittori e scultori. E con risultati assai interessanti, e curiosi, e diciamo anche belli, per il modo con cui la lezione italiana di quei tempi veniva considerata e appresa, e poi senza troppe scosse, mutuata e adattata ai gusti e alle necessità patrie. Certo, se si pensa a quanto era appena avvenuto nei decenni precedenti (nella stessa Italia con il Futurismo ad esempio, e in Europa con il Cubismo, la Secessione, il Surrealismo e quant'altro), si resta alquanto perplessi nel vedere che i principali punti di riferimento per quei giovani apprendisti ungheresi erano il Novecento e il Realismo magico nostrani. Perplessi, ma anche orgogliosi nel constatare che maestri come Mario Sironi, Giorgio De Ghirico, Felice Carena, Felice Casorati, Cagnaccio di San Pietro, Achille Funi, Ubaldo Oppi e balda compagnia potevano avere, come avevano, maggior peso di tanti altri inventori forestieri. La "Római Iskola", dunque, ebbe origine nel 1927, allorché il governo ungherese acquistò, in seguito a un amichevole accordo con Benito Mussolini, il romano palazzo Falconieri per installarvi l'Hungaricmn O Hrgium, del quale venne nominato Jkettae Tibor Gerevich, autorevole storico e studioso deTarte ungherese; e lì, Tanno seguente, ebbe la soa sede una Scuola d'arte, la "Római Iskola" appunto, da far frequentare dai migliori artisti ungheresi, o comunque da quelli che una apposita commissione statale riteneva meritevoli di perfezionamento, un volume di Julianna R Szùcs, intitolato A Roma  Iskola e pubblicato nel 1987, vengono riportati i nomi di alcuni artisti ospiti nei vari periodi così sappiamo che negli anni 1928-30, cioè >ertura, erano presenti Vilmos Aba-Novàk, ferenc Deéd-Dex, Hajnalka Fuchs, Dezsò Erdey, iàn Istókovits,Kalman Istokovits Livia Kuzmik e altri tre o quattro, che possono essere considerati i pionieri di questà sorta di esplorazione ambientale e di conquista culturale vissuta certamente con grande impegno, al di là dei risultati, che potevano essere di vario grado e interesse, tenendo conto precedente formazione, nonché della capacità individuale di assimilazione.Come si è visto, la Scuola ungherese di Roma iniziò la sua attività nel 1928, e cioè proprio nell'anno in cui ebbe la sua consacrazione la "Scuola Romana" formata da un gruppo di pittori (Scipione, Mario Mafai, Antonietta Raphael, Giuseppe Capogrossi e altri) che in nome di un Espressimo nostrano-locale si proponevano un'arte antinovecentista, o comunque diversa da quella dominante propugnata dai pittori dei movimentì prima ricordati, e portati avanti in particolare dalla musa mussoliniana  Margherita Sarfatti. la quale dimostrò insieme al critico d'arte ugo nebbia, molta simpatia per le opere  romane deegli artisti ungheresi.lo comprovano l'acquisto di dodici loro lavori da parte del duce nel 1930, il buon successo  tributatogli in rassegne publiche, come la Biennale veneziana  dello stesso anno, la Triennale milanese del 1936. Anche l'Osservqtore romano scrisse molto bene delle loro opere presentate in una esposizione padovana del 1933 (forse perché l'arte sacra vi era ampiamente affrontata). Nelle pitture e nelle sculture è facile riscontrare richiami e modi e colori sironiani, casoratiani e funiani: per questo motivo è possibile parlare spesso di un vero e proprio manierismo ungherese novecentista, tanto il punto di partenza è dichiarato, e tanto viene spontaneo il ricorrere " alla maniera di.." Questo grazie anche al confronto visivo fatto nel libro di Julianna E Szucs, ad esempio, tra opere realizzate da Felice Carena e Istvàn Szónyi, Francesco Menzio e Jeno Medvczcky  e così via; mentre altre opere dei nostri maestri sono riprodotte, senza confronto, quasi a far certa la paternità di quasi tutte le ricerche e i risultati ottenuti dagli artisti ospiti.In quasi tutti questi artisti magiari risultano evidenti un notevole impegno tecnico, una sensibilità coloristica e plastica particolare, un autentica partecipazione: sicchè può capitare  che il seguace supera il maestro.Va detto anche che molti di questi artisti  sentivano per tradizione l'arte sacra, ed infatti tornati in patria affrescarono e dipinsero chiese e cappelle Verso il 1940 "A Roma Iskola" conobbe il tramonto.Cambiate le situazioni politiche molti tornarono in patria senza rimanere legati al gruppo, mentre lo stesso concetto di "Scuola di Roma " assunse una valenza negativa., ed alcuni artisti arrivarono addirittura a contestarne l'esistenza
 





 
 
 

 


Attendere..
UTENTI 
online